Mercato immobiliare 2018? A gonfie vele!

vele

Le transazioni 2018 crescono del +6,7% rispetto al 2017.  

Milano

L’anno 2018 si chiude in maniera molto positiva per il mercato immobiliare residenziale nazionale, con 578.647 compravendite e +6,7% rispetto all’anno precedente, mantenendo il trend per cui le transazioni residenziali sono in costante crescita da ben 15 trimestri consecutivi. Anche i risultati 2018 delle 8 grandi città riflettono il buon periodo che sta vivendo l’immobiliare italiano: con una crescita percentuale del numero delle transazioni del 4,4% come dato aggregato. Si distinguono significativamente Bologna e Palermo che registrano una variazione annuale rispettivamente del +10,8% e del +8,2%. Il 2018 vede Milano riconfermarsi polo trainante del mercato immobiliare italiano, con buoni risultati di crescita in linea con i valori rilevati nelle principali città italiane. Le transazioni residenziali nella città si chiudono, dopo la lieve flessione registrata nel periodo precedente, con un quarto trimestre eccellente, +9,5% rispetto allo stesso periodo 2017. Valutando complessivamente il numero delle transazioni residenziali a Milano nel 2018 rispetto all’anno precedente, la percentuale di crescita è +3,4%.

I dati OMI – dichiara Enzo Albanese, CEO di Sigest – confermano i risultati e le analisi evidenziate nei mesi scorsi dal nostro Centro Studi Sigest: Milano si attesta città in grado di anticipare e trainare il mercato nazionale.

Con un valore di transato che possiamo stimare tra gli 8 e gli 8,5 miliardi di euro per il solo immobiliare residenziale di Milano, ci troviamo di fronte a una città in cui convivono tre differenti mercati: di sostituzione, per i milanesi che cercano un acquisto in grado di migliorare la loro situazione abitativa; uno nazionale, di coloro che guardano a Milano come città di eccellenza (per università, lavoro, sanità, stile di vita, ecc) e uno internazionale, con grandi investitori interessati a prodotti unici ed esclusivi, di fascia estremamente elevata. Dopo un anno favorevole come il 2018, il sentiment per la crescita delle transazioni 2019 è positivo, con un incremento stimato del 4,5%, a livello nazionale e del 2% nella città di Milano”.

In un anno molto positivo per il mercato immobiliare italiano, il bilocale (unità abitativa da 50 a 85 mq) si conferma l’unità più venduta a livello nazionale, rappresentando il 31% delle transazioni effettuate nel corso dei dodici mesi.

È interessante fare un’analisi basata sugli utenti: nel 2018 il monolocale e il bilocale insieme a livello nazionale risultano il 40% del totale, nelle grandi città il 52% e a Milano il 62%. Questi dati fotografano una situazione caratterizzata da una maggiore mobilità sociale legata a uno stile di vita in cui lavoratori, single e giovani coppie senza figli che comprano casa in città si orientano preferibilmente su tagli piccoli. Ciò accade, oltre che per queste ragioni, anche per una evidente questione di costi. Inoltre, le tipologie di piccole dimensioni sono anche le più ricercate dagli investitori.

 

Leave a Comment

NEWS