Proptech: nasce l’Osservatorio Permanente Sigest

Obiettivo della nuova divisione è quello di intercettare,  nell’attuale scenario di forte spinta alla digitalizzazione anche del Real Estate,  le idee più innovative per la trasformazione dei servizi in un’ottica 4.0.

Sigest – gruppo Real Estate attivo da oltre trent’anni, che opera nel mercato residenziale con focus sulla città di Milano, ma operativo anche in Lombardia e sul territorio nazionale – ha dato vita all’Osservatorio permanente sulle proptech, una nuova divisione del Centro Studi composta da un trasversale team di professionisti, che collaborano con i più importanti centri di ricerca che si occupano di innovazione digitale e proptech.

L’Osservatorio permanente sulle proptech nasce in un contesto che vede l’azienda alla ricerca di applicazioni digitali innovative per evolvere i propri servizi e la propria attività. Negli ultimi mesi, infatti, Sigest ha aderito al progetto “RE Innovation Lab” di Assoimmobiliare e Bocconi e all’Osservatorio “Proptech Monitor” del Politecnico di Milano (REC Real Estate Center) ed è sponsor di MEET Centro Internazionale per la Cultura Digitale con sede a Milano. Sebbene il tema delle proptech appaia molto frequente nel nostro settore, esiste il rischio che diventi solo una novità di moda incapace di incidere nella quotidianità. Per questo motivo il team dell’Osservatorio di Sigest ha deciso di partecipare ai più rilevanti momenti di confronto internazionale sulla digital transformation del settore immobiliare: il FUTURE proptech 2019 di Londra (tenutosi lo scorso 14 maggio) e il MIPIM proptech Europe di Parigi (in agenda il prossimo 1 e 2 luglio).

L’introduzione nelle nostre organizzazioni di nuove tecnologie, processi e modalità operative comporterà un periodo di transizione molto impegnativo – dichiara Enzo Albanese, CEO di Sigest – : ogni cambiamento genera atteggiamenti di resistenza e di fatica nell’adeguarsi ai nuovi modelli ma in questo caso lo sarà ancora di più perché si tratta di una trasformazione estremamente pervasiva. Nelle nostre aziende, infatti, non sarà solo necessario l’inserimento di nuove figure e professionalità ma anche l’evoluzione e l’aggiornamento delle risorse esistenti che dovranno essere in grado di operare in contesti completamente nuovi”.

Fra i professionisti che collaborano stabilmente con l’Osservatorio:

BombelliFrancesca Bombelli, classe 1973, dopo essersi laureata in architettura presso il Politecnico di Milano, nel 2004 ha conseguito un Dottorato di ricerca in “Innovazione Tecnica e Progetto nell’Architettura”. Ha realizzato due volumi per il Sole 24 ore, “La sicurezza negli edifici. L’integrazione dei sistemi di safety e di security” (2002) e “Strutture sanitarie, mercato immobiliare e Facility Management. Strategie gestionali, strumenti finanziari e processi di valorizzazione” (2005). Dal 1999 al 2004 ha collaborato con il Politecnico di Milano, dipartimento DiTec (ora ABC), svolgendo attività di ricerca e docenza. Dal 2004 lavora presso Sigest, ricoprendo dal 2015 la carica di Responsabile del Centro Studi dell’azienda. Dal 2013 è consigliera di AREL Associazione Real Estate Ladies.

Conti

Mario Conti, classe 1987, laureato magistrale in Architettura presso il Politecnico di Milano, consegue con lode il Master in Real Estate Management presso la stessa Università. Dopo alcune esperienze, tra cui Assistente al Direttore Tecnico e al Direttore Generale presso Generali Real Estate S.p.A., nel 2013 inizia l’esperienza lavorativa in Sigest come Market Analyst, ruolo che ricopre fino al 2017 quando viene nominato Head of Advisory.

 

MartignoniLudovica Martignoni, laureata magistrale in Economia e Management per l’Impresa presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano nel 2016. Dopo aver ricoperto la posizione di Analista presso Condé Nast Italia Milano e Accenture Spa, ha assunto il ruolo di consulente nel settore della formazione e delle risorse umane presso Ernst & Young. Nell’aprile 2019 approda in Sigest dedicandosi ad analisi di mercato, attività di benchmarking inerenti al settore immobiliare e ricerca su proptech.

 

Il nostro mondo è ormai profondamente dipendente dalla tecnologia – prosegue Enzo Albanese, CEO di Sigest -, ed è Enzo Albanese - SIGESTevidente che temerla ed evitare di utilizzarla in campo professionale abbia il solo risultato di creare un gap fra la propria attività e le altre che può rivelarsi fatale. Ciò che dobbiamo fare è quindi cercare di sfruttare al meglio il digitale negli aspetti più tecnici, quelli in cui le macchine sono imbattibili, trasformandole in uno strumento a disposizione per migliorare la qualità del nostro lavoro. La rivoluzione dell’industria 4.0 ha già mostrato le straordinarie potenzialità Enzo Albanese – SIGEST dell’introduzione della tecnologia nella produzione di beni e ritengo che la sfida dei prossimi anni sia quella di evolvere verso i servizi 4.0. È sulla base di queste riflessioni che nasce l’Osservatorio permanente sulle proptech, per individuare soluzioni che innovino l’ambito dei servizi immobiliari, senza dimenticare che qualità come intuizione, capacità di elaborare strategie, creatività e flessibilità sono così profondamente umane che neppure il dominio tecnologico riuscirà a sostituirle.”

Leave a Comment

NEWS

HDP Cam torre-min

Ippodromo 8: innovazione, qualità e contesto green

Sigest advisor commerciale del progetto: ventidue piani con una vista unica su Milano, caratterizzati da un concept innovativo per gli spazi interni, ma anche aree e servizi condominiali, dal verde […]
OsservatorioProptech

Proptech: nasce l’Osservatorio Permanente Sigest

Obiettivo della nuova divisione è quello di intercettare,  nell’attuale scenario di forte spinta alla digitalizzazione anche del Real Estate,  le idee più innovative per la trasformazione dei servizi in un’ottica 4.0. Sigest […]