Milano al tempo della ripresa. Dove conviene comprare casa

Il mercato immobiliare finalmente sta dando segnali di ripresa: il numero degli acquisti di case è in aumento, e il prezzo non risale visto l’equipararsi di domanda e l’ampliamento dell’offerta. La scelta è ampia, si passa dalle zone meno patinate e più periferiche fino ad arrivare alle zone più centrali, caratterizzate da immobili di lusso e di valore più alto. Per analizzare meglio la logica delle scelte d’acquisto, proviamo a prendere in considerazione diversi budget degli acquirenti e le diverse zone cittadine, analizzando soprattutto il capoluogo lombardo in un quadro che ha comunque valenza nazionale.
house-money-capitalism-fortune-12619

Il mercato immobiliare finalmente sta dando segnali di ripresa: il numero degli acquisti di case è in aumento, e il prezzo non risale visto l’equipararsi di domanda e l’ampliamento dell’offerta. La scelta è ampia, si passa dalle zone meno patinate e più periferiche fino ad arrivare alle zone più centrali, caratterizzate da immobili di lusso e di valore più alto. Per analizzare meglio la logica delle scelte d’acquisto, proviamo a prendere in considerazione diversi budget degli acquirenti e le diverse zone cittadine, analizzando soprattutto il capoluogo lombardo in un quadro che ha comunque valenza nazionale.

Budget medio-bassi

Secondo una ricerca condotta su dati di Casa.it, si parte da un budget di 100 mila euro, relativamente basso per una grande città, sufficiente per chi compra una casa non per abitarla, o che ha grandi capacità di adattamento. Tanto a Milano quanto a Roma, le zone più adatte a questo tipo di investimenti sono quelle vicino alle università. Per Milano, in particolare, meglio cercare tra via Ripamonti e viale Tibaldi, la seconda ideale per studenti della Bocconi. Un esempio è questo monolocale ai Giardini Verro, in zona Ripamonti.

Salendo ad un budget di 200 mila euro, a Milano la zona preferita dagli studenti per dividere l’appartamento diventa Città Studi, mentre per andare ad abitare si scelgono Corso Lodi, vicino a Fondazione Prada (riqualificata da poco), e piazza Gerusalemme per i servizi e il collegamento con la metropolitana. Per fare un confronto, a Roma la stessa zona come budget è l’Eur, che offre un buon rapporto fra prezzo e qualità della vita. A Napoli si distingue la zona di via Toledo, a Firenze ci si può permettere anche un bilocale in centro, mentre a Torino si può considerare il quartiere Cit Turin, che seppure periferico vedrà una notevole riqualificazione con il grattacielo Intesa San Paolo.

Budget Alti

Resta invece un investimento molto costoso ma molto remunerativo l’acquisto di una casa in centro, soprattutto a Brera. È una zona che ha resistito alla crisi grazie al richiamo degli edifici di epoca borghese. Tra gli esempi, lo splendido Palazzo Bertoni, in cui è possibile trovare anche un quadrilocale come questo.
Non a caso, è il quartiere di Milano che ha registrato il maggior incremento di richieste (+8,4%), segno che la forbice fra offerta del potenziale acquirente e domanda del venditore hanno raggiunto un punto di equilibrio sostanziale. In effetti, e se ne è parlato più volte, è il momento storico in cui la coincidenza fra prezzi delle case e tassi dei mutui ha raggiunto i livelli fra i più vantaggiosi nella storia del paese. Milano, al centro di un cambiamento veloce e profondo come mai nella sua storia, rappresenta quindi un terreno particolarmente fertile per l’investimento immobiliare, ed è opportuno vederci chiaro prima di lasciarsi sfuggire un’occasione unica.

Leave a Comment

NEWS

Vivere-sotto-Copertura-1

Vivere sotto copertura

Cogliere gli aspetti essenziali delle dinamiche che caratterizzano oggi il settore edilizio e immobiliare è lo spirito con il quale è stato elaborato il testo, pubblicato lo scorso ottobre, a […]