Agevolazioni prima casa, come ottenerle?

Il 2017 porta con sé incentivi significativi per l’acquisto della prima casa, il cosiddetto “bonus prima casa”, che comprende agevolazioni fiscali rivolte a tutti i cittadini, nel rispetto di determinati requisiti.
calculator-385506_1920

Il 2017 porta con sé incentivi significativi per l’acquisto della prima casa, il cosiddetto “bonus prima casa”, che comprende agevolazioni fiscali rivolte a tutti i cittadini, nel rispetto di determinati requisiti.

Le agevolazioni

Il presupposto per poter usufruire delle agevolazioni è che l’atto di acquisto sia stipulato con un notaio: solo così si potranno applicare le riduzioni previste. Più nel dettaglio, il bonus casa 2017 prevede numerosi sconti, applicabili a diverse condizioni:

  • la riduzione dell’Iva dal 22% al 4%, nel caso di acquisto dell’immobile direttamente dal costruttore. In questo caso il contribuente dovrà pagare in misura fissa 200 euro per imposta di registro ipotecaria e catastale, per un totale complessivo di 600€;
  • riguardo acquisti per successioni o donazioni: in questo caso si applica l’imposta ipotecaria e catastale di 200 euro;
  • un’imposta di registro al 2%, nel caso di acquisto della casa da un privato o da una società, diversa dall’impresa costruttrice;
  • detrazioni Irpef fino al 19%, sui compensi corrisposti all’agenzia intermediaria, per un importo non superiore a 1.000 euro;
  • il credito d’imposta, che prevede la possibilità di sottrarre l’imposta da pagare con quella già pagata per l’acquisto della casa precedente. In questo caso, chi ne beneficia deve aver venduto e riacquistato casa, se adibita ad abitazione principale, entro 12 mesi.

I requisiti

Chi acquista la prima casa può approfittare delle agevolazioni a condizione che:

  • non possieda abitazioni sul territorio nazionale per le quali abbia già fruito delle riduzioni;
  • non sia proprietario di un’abitazione nello stesso Comune in cui richiede le agevolazioni per l’acquisto della prima casa;
  • sia residente nel Comune nel quale intende acquistare la casa, o vi si stabilisca la residenza entro 18 mesi dall’acquisto agevolato, dimostrando quindi che la propria sede di lavoro è situata in tale Comune;
  • non sia titolare, interamente o per quote, di un altro immobile su tutto il territorio nazionale, per il quale abbia già fruito delle agevolazioni.

L’immobile per il quale si richiedono le agevolazioni, inoltre, non deve appartenere alle categorie catastali A1, A8, A9, che corrispondono alle case di lusso. È quindi consigliato richiedere una verifica delle caratteristiche della casa prima di procedere con l’acquisto; per farlo, ci si può rivolgere ad esperti del settore come geometri, ingegneri e architetti.

L’acquisto della prima casa rappresenta un momento fondamentale per la costruzione del proprio patrimonio familiare; essere informati in modo completo sulle agevolazioni a disposizione degli acquirenti è il primo passo per creare in modo consapevole le basi del proprio futuro.

L’argomento è certamente complesso ma, se hai necessità di approfondire l’argomento, ricorda che i consulenti Sigest sono sempre a tua disposizione.

Leave a Comment

NEWS

05_milano_nuove_architetture

Archistar a Milano firmano nuovi edifici gioiello

Negli ultimi anni, Milano è stata al centro di una straordinaria rivoluzione dal punto di vista architettonico, con un fortissimo slancio verso la modernità di cui i grattacieli di Porta […]
contrato-compraventa-vivienda1

Legge sulla concorrenza nel mercato immobiliare

Lo scorso 29 agosto è entrata in vigore la legge concorrenza (la n.124/2017) che si inserisce nelle trattative di compravendita immobiliare con un’opzione che potenzialmente potrebbe mettere in difficoltà soprattutto […]